Visit Udine
1/3

Le origini della roggia di Palma risalgono alla fine del XII secolo con la deviazione del torrente Torre. Attraversato il centro città le acque giungono nei borghi Cussignacco e Paparotti. In via dei Molini sorge un piccolo complesso rurale con l'antico mulino risalente al 1274. Nella frazione di Godia è ben visibile un altro mulino, risalente al XV-XVI sec, di proprietà della famiglia Coiutti, ancora funzionante il mulino a cilindri del 1928. Sul lato opposto della roggia è situato l'antico battiferro della famiglia Cossutti.

Nel comune limitrofo di Reana del Rojale è visible, nella frazione di Valle, il mulino della famiglia Di Giusto. La famiglia Di Giusto e il mulino sono praticamente da sempre conosciuti con il nome di Segàt o "Quel di Segàt" per la loro segheria che esisteva ancora prima dell'avvio dell'attività di molitura. Prova di ciò è l'antico nome della Via in cui si trova il Molino: Via Segàt, a Valle di Reana. Fino agli anni '70, all'interno del mulino esisteva anche una trebbia fissa per la molitura del frumento e dell'orzo, a completamento del servizio di macinazione dato ai contadini del luogo.