Visit Udine

Udine offre diversi scorci ed angoli con interessanti Palazzi con stili molto differenti tra loro, ecco i principali:

Palazzo Valvason Morpurgo, in stile neoclassico, risale al XVIII secolo; divenuto sede museale nel 2006, ospita gli archivi di Architettura e di Design della Galleria d'Arte Moderna di Udine.

Palazzo Belgrado (provincia), originariamente dimora dei conti Antonini, è oggi sede della Provincia di Udine; fu edificato verso la fine del 1600.

Palazzo Antivari Kechler Si trova in piazza XX Settembre a Udine, fu commissionato all’architetto veneziano Giuseppe Japelli (1831) da Pietro Antivari, ricco industriale, genero di Jacopo Linussio, magnate dell’industria tessile carnica e realizzato nel 1833 E' correntemente sede di meeting e congressi.

Palazzo dell’Unicredit, costruito nel 1690 e ristrutturato nel secondo dopoguerra.

Palazzo banca d’italia.

Palazzo del castello.

Torre dell'orologio, fu costruita, tra il 1527 ed il 1530, inglobandola nella loggia di San Giovanni in Piazza della Libertà.

Palazzo Bartolini, realizzato nel XVII secolo in piazza Marconi, ospita la Biblioteca civica Vincenzo Joppi.

Palazzo del Monte di Pietà, (XVII secolo), con al suo interno la Cappella di Santa Maria del Monte, sito in Via Mercato Vecchio.

Palazzo Sacchia, a ridosso del palazzo del Comune, risalente al XVI secolo, nel 1896 Arturo Malignani lo dotò di uno dei primi sistemi d'illuminazione con lampade all'acetilene.

Palazzo D'Aronco, Municipio del comune, caratterizzato da ampi colonnati a volta, sopra di essi si trovano alcuni stemmi che esaltano l’orazione e il teatro. 

Palazzo Antonini Cernazai, risalente al 1595 fu fatto costruire dagli Antonini, nobile famiglia proprietaria di diversi palazzi della città, oggi ospita l'Università degli Studi di Udine; a pochi metri in via Palladio si trova Palazzo Florio, fatto costruire dai Conti Florio e attuale sede del Rettorato dell'Università degli studi di Udine.

In Piazza Patriarcato a Udine si trova il palazzo Patriarcale o Arcivescovile, che è una tappa d’obbligo per chi visita Udine, visto che ospita i capolavori di Giambattista Tiepolo, Giovanni da Udine ed altri artisti. Il corpo centrale dell'edificio fu costruito nel corso del XVI secolo, quando i patriarchi di Aquileia, non potendo più risiedere in Castello, cercarono un'altra residenza in città. Nel 1708 il patriarca Dionisio Delfino chiamò l'architetto Domenico Rossi, che costruì l'ala con la biblioteca e la scala in ovato, innalzò il corpo centrale realizzando il portale, ultimò l'ala nord e, nel 1725, lo scalone d'onore. Il Palazzo ospita anche la Biblioteca Delfiniana o arcivescovile, che fu la prima biblioteca aperta al pubblico nella città di Udine, istituita nel 1709 dal patriarca Dionisio Delfino, ed inaugurata ufficialmente nell'estate del 1711. Oggi è costituita da una piccola ma ricca collezione: circa 11.000 volumi, tra cui 514 manoscritti e 115 incunaboli.