Visit Udine

Prodotti tipici

Info utili e contatti
1/6

Prodotti tipici della zona:

Crocevia di molti popoli, lingue e tradizioni che hanno arricchito anche l'enogastronomia che oggi è possibile ritrovare sulla tavola.
Puoi assaporare così influenze mitteleuropee, mediterranee e slave, senza dimenticare la semplice cucina popolare dai piatti saporiti e genuini. Piatti tipici e riti culinari coloratissimi che offrono una tale varietà di sapori e aromi che puoi trovare solo in Friuli Venezia Giulia.

Come non ricordare gli ambasciatori del Friuli Venezia Giulia a tavola che sono l'ormai leggendario prosciutto di San Daniele e i prestigiosi vini regionali del vigneto del Friuli Venezia Giulia tra cui vere e proprie chicche Docg come il Ramandolo, il Picolit, neri robusti e dai nomi bizzarri come il Tazzelenghe e bianchi unici al mondo come il Sauvignon o il Friulano.

Cjarsons

Sono una sorta di agnolotti con un ripieno dolce o alle erbe possono esser per essere un primo complesso e articolato, o un fine pasto dolce e raffinato.
Anche in questo caso ogni cucina ha la sua ricetta. E la tiene ben stretta.

Orzotto

Gli svariati pregi di questo piatto, capace di valorizzare costantemente la tipicità friulana, vanno ricercati nella sua versatilità: gli abbinamenti per questo cereale non sono un problema, tant’è che la scelta spazia dalle verdure come piselli, carote, cipolle, zucchine, porro e fave, fino ad arrivare alla salsiccia ma anche ai formaggi.

Formaggio Montasio DOP

Il Montasio è la più conosciuta varietà di formaggio del Friuli: nato nelle malghe dell’omonimo splendido monte, oggi risponde, in tutte le sue varietà, ad un rigoroso disciplinare di produzione.

Il Prosciutto cotto di Trieste

Varietà unica di lavorazione della coscia del prosciutto, che prende una leggera affumicatura restando dolce e saporito.

Il San Daniele DOP

L'aria dei monti incontra quella del mare sul colle di San Daniele del Friuli creando un microclima unico che permette la perfetta stagionatura del prosciutto di San Daniele, certificato DOP.
E' un prosciutto crudo stagionato almeno 12 mesi, di cui non meno di 8 in stagionatura naturale.

La Pitina

La Pitina è un salume oggi tutelato da un disciplinare di produzione, un tempo era la soluzione per i malgari di conservare la carne: veniva confezionato con la carne disponibile al momento (pecora, capra, selvaggina) e poi affumicato.


La Trota

La Trota, il pesce nobile dei corsi d'acqua, trasformato secondo le saporite regole dell'affumicatura. Semplice e prelibato.

Il salame friulano

Il salame friulano: un mondo di varietà e di gusti per il salume principe della cultura locale: il fulcro è sempre la carne del maiale.
Il resto è poi ricetta segreta di ogni norcino.

La Gubana

La Gubana, di ascendenza slava e mitteleuropea, è un dolce tipico delle Valli del Natisone che racchiude mille sapori, dalla caratteristica forma a ciambella circolare. Il ripieno é lo stesso della Gubana, a base di nocciole e noci tritate, uvetta e pinoli, si fanno anche gli Strucchi.

La Grappa Friulana

Una cultura centenaria ha oggi portato ad un prodotto nobile, degno di essere paragonato a qualsiasi distillato di alta gamma, portatore di un universo infinito di varietà e sapori.

I Vini

Oltre ai preziosi e già citati Picolit e Ramandolo, famosi "vini da meditazione", puoi assaggiare robusti rossi (Merlot, Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon, Refosco dal peduncolo rosso, Terrano, Pinot nero, Schioppettino, ecc.) e profumati bianchi (Friulano, Verduzzo friulano, Malvasia istriana, Chardonnay, Pinot bianco, Pinot grigio, Ribolla, Riesling, Sauvignon, Traminer aromatico, ecc.) che si abbinano ai gustosi e raffinati piatti della gastronomia locale e internazionale.

Le Birre artigianali

Nel Friuli la tradizione della birra si fa risalire ai Celti, qui presenti dal 500 a.C. Questa tradizione riprese grande vigore nel Friuli austroungarico dalla prima metà del 1800 e portò la regione sulla ribalta italiana del settore nei primi anni del 1900 con alcuni grandi birrifici industriali. 

É rimasto in regione grande attaccamento e nel frattempo sono nati alcuni birrifici artigianali che hanno i loro punti di forza nell'alta qualità.

La Polenta

La più povera e semplice delle polente diventa un cibo straordinario e completo quando ad essa vengono aggiunti i soliti semplici condimenti (salsicce, fagioli, formaggio grattugiato), proprio quei condimenti che la vecchia saggezza contadina usava ed usa ancora, realizzando piatti che accontentando i buongustai, contengono proteine, carboidrati, grassi, sali minerali e qualche vitamina.

Frico

Il frico è un’istituzione della gastronomia friulana.
Semplificando si tratta un tortino di formaggi, morbido o croccante.
Ma ogni casa o zona ha la sua variante: con patate, con un “certo” tipo di patate, con o senza cipolla, più o meno cotto... l’elenco sarebbe infinito. Non resta che assaggiarlo!

Muset e brovade

Rimane sicuramente l'emblema del mangiar friulano: musèt e brovade ovvero cotechino e rape inacidite nella vinaccia, Il cotechino realizzato solo con la carne del muso del maiale viene finito di cuocere in una variante tutta friulana delle rape: la brovade.
Questa è fatta con rape lasciate macerare per lungo tempo nelle bucce dell’uva dopo la pigiatura, poi grattuggiate e cotte a lungo in padella con alloro e alti sapori.

Tiramisù

Al di là delle polemiche sulla sua origine geografica, ogni bambino friulano cresce con almeno un tiramisù gigantesco preparato per il suo compleanno. 

Savoiardi, crema a base di mascarpone, uova e zucchero: semplici ma pur sempre golosi ingredienti che permettono di creare l’amato dolce che tutti noi conosciamo sin dall’infanzia.


Il Prosciutto crudo di Sauris IGP

È un prosciutto crudo salato affumicato e stagionato per almeno dieci mesi ottenuto esclusivamente nel comune di Sauris nel rispetto delle tradizioni di un tempo.

Brovada DOP

La “brovada” è una testimonianza della cucina tipica friulana. Le rape bianche vengono fatte fermentare nella vinaccia per circa due mesi.
Si trova da ottobre ad aprile e può essere consumata cruda o cotta.

Salumi Tipici

Da non dimenticare il prosciutto crudo di Cormòns e gli altri insaccati tipici: salami, speck e pancetta, e vere chicche gastronomiche come la curiosa brusaola e la pitina (polpetta affumicata a base di carni ovine, caprine o da selvaggina) -tipiche delle valli montane del pordenonese-, un presidio slow food tutto da gustare!

Formaggi tipici

Formaggi di ogni colore e...forma, oltre al Montasio, in cui la sapienza contadina, da generazioni e generazioni, crea sapori inimitabili come: la ricotta affumicata dal sapore di malga e formaggi sconosciuti, ma molto apprezzati, come il "Formadi Frant" e l'Asìno.